Domenica a tutto running: Faniel, Yaremchuk, Riva e la maratona di Roma

Sarà una domenica interessante per il running italiano. A un mese dal primato personale realizzato alla maratona di Siviglia (2’07″09), Eyob Faniel torna in strada per correre la mezza di Lisbona, una delle più veloci al mondo come dimostrato dal record del mondo firmato dall’ugandese Kiplimo tre anni fa (57″31).

Il portacolori delle Fiamme Oro ha un personale sulla distanza di 1h00:07 ottenuto a Siena nel 2021, mentre a Siviglia è stato capace di passare a metà percorso con l’ottimo crono di 1h01:50.

A Lisbona ci sarà un cast di primo livello con i keniani Abraham Kiptum (59:09), Brian Kwemoi e Bravin Kiptoo, gli etiopi Solomon Berihu e Dinkalem Ayele, il norvegese Sondre Nordstad Moen, il tedesco Amanal Petros. Tra le donne, è attesa l’ex primatista del mondo e argento olimpico della maratona Brigid Kosgei (Kenya), accreditata di 1h04:49 nella mezza.


A Reggio Emilia sarà in gara nella 10 km abbinata alla manifestazione “La 21 di Reggio”, Sofiia Yaremchuk, a tre settimane dal record italiano eguagliato nella mezza maratona di Napoli con 1h08:27.

La primatista italiana di maratona vanta sulla distanza un primato personale di 32:06 realizzato nel 2021 a Lens, 30″ in più dall’attuale record italiano di Nadia Battocletti. A Reggio corrono anche Anna Arnaudo (Battaglio Cus Torino) e Yassin Bouih (Fiamme Gialle).


Farà sempre 10.000 metri, ma in pista, Pietro Riva, di scena nella notte a San Juan Capistrano, in California. E’ il primo impegno stagionale su pista per il ragazzo delle Fiamme Oro, intenzionato a incrementare il punteggio-ranking in vista di Europei e Giochi Olimpici.


Domani, infine, si corre la Run Rome The Marathon, che noi preferiamo chiamare Maratona di Roma. Sulle strade della Capitale ci saranno 19mila atleti, di cui 10mila stranieri provenienti da 110 Nazioni (diretta Sky Sport Uno e Sky Sport Arena). Tra i più attesi, il tre volte campione del mondo di ultramaratona Giorgio Calcaterra.

Foto d’apertura Colombo / Fidal

Potrebbe interessarti anche...

Gli articoli di questo autore

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *