Numeri da capogiro a Padova: in 2200 al meeting indoor. E 1200 alla campestre di Noventa

fonte Fidal Veneto

Numeri da capogiro. Il primo weekend indoor a Padova è stato semplicemente un successo. Di partecipazioni (hanno gareggiato 2200 atleti, circa il 50% provenienti da fuori regione) e di prestazioni, dato che non sono mancati i contenuti tecnici di spessore.

Dopo la prima giornata caratterizzata dal doppio record italiano di Elisa Valensin, capace di correre i 200 metri in 23″79 e di cancellare i precedenti primati allievi e juniores, l’azzurro Joao Bussotti ha debuttato negli 800 metri con il crono di 1’50″47 e un secondo posto alle spalle dello sloveno Vukovic.

La slovena Veronika Sadek vince in volata i 1500 in 4’25”46, precedendo Sofia Giobelli (Atl. Brescia 1950, 4’25”81). Quarta la junior Lorenza De Noni (Atl. Silca Conegliano) con personale abbassato a 4’30”91. 

Nei 60 ostacoli l’eptatleta Marta Giaele Giovannini (Atl. Cascina) corre in 8”54, mentre nella gara juniores si segnala, con 7”95, Tommaso Triolo (Fiamme Oro). Enrica Cipolloni (Fiamme Oro) vince l’alto con 1.76. 


Conferme per la junior Giulia Busatta (Fiamme Oro) nell’asta (3.90) e l’allieva Anita Nalesso (Trevisatletica) nel peso (14.26).

Tra i master nuova impresa dell’inossidabile padovana Emma Mazzenga (Atl. Insieme Verona) che nei 200 firma il record mondiale della categoria W90 in 54”47, dopo aver ripreso gli allenamenti da meno di un mese al rientro da un periodo di stop, migliorando di oltre sei secondi il crono di 1’00”72 stabilito dalla canadese Olga Kotelko nel 2010. 

Ma il Veneto corre anche sui prati, come accaduto a Noventa Padovana: quasi 1.200 atleti hanno preso parte al Parco ex Fornace nella domenica del Dogi’s Cross, il primo dei sei appuntamenti su cui si svilupperà la stagione veneta della corsa campestre.

La tappa inaugurale, organizzata dall’Atletica Riviera del Brenta, era valida per i tre classici campionati di società (assoluto, promozionale e master) che scandiscono l’inverno regionale.

Primi acuti dell’anno, nelle gare assolute, per Mihail Sirbu (Gs Quantin Alpenplus), dominatore della prova maschile sui 10 km, e per Valentina Bernasconi (Atl. Mogliano), leader nella prova femminile sugli 8 km.


Il 24enne bellunese d’origine moldava ha chiuso in 33’35”, precedendo nettamente Stefano Furlani (Atl. Vicentina, 34’04”) e Giacomo Esposito (Atl. San Biagio, 34’13”).

La 38enne trevigiana, ex azzurra della pista, ha invece rimontato e staccato nel finale la conterranea Nikol Marsura (Assindustria Sport), reduce dal secondo posto nella prova corta del Campaccio. Bernasconi ha completato la prova in 32’12”, precedendo di 3” Marsura (32’15”). Più indietro, terza, Elisa Marcon (Atl. Vicentina, 32’59”).

Le gare juniores sono state vinte da Giovanni Pavanello (Atl. San Biagio) ed Elisa Clementi (Atl. Vicentina).
Tra gli allievi doppietta della Silca Ultralite Vittorio Veneto che ha portato sul gradino più alto del podio Riccardo Cenedese Giulia Meneghetti.
Nelle affollate prove del settore promozionale, successi di Alberto Felice Berengo (Csi Atl. Provincia di Vicenza) e Anita Marchi (Atl. Vis Abano) nella categoria cadetti e di Massimo Toniolo (Pol. Dueville) e Anna Frasson (Fiamme Oro Padova) in quella ragazzi.

In apertura di mattinata, prima che il ghiaccio lasciasse posto al fango, spazio anche per i master con Marco Padoan (Vicenza Runners) primo nel raggruppamento riservato alle categorie maschili under 60 (6 km), mentre Giorgio Mazzer (Eurovo Atl. Pieve di Soligo) ed Elisa Comisso (Vittorio Atletica) hanno tagliato per primi il traguardo nella sfida dedicata agli over 60 e alle donne (4 km).

Prossima tappa della stagione sui prati già domenica prossima, 21 gennaio, a Vittorio Veneto, dove il Cross Città della Vittoria sarà valido come prima prova di qualificazione al campionato italiano assoluto di società, come seconda prova del campionato regionale promozionale di società e come campionato regionale individuale master.

Qui i risultati di Padova indoor.

Qui le classifiche del cross di Noventa Padovana.

Foto Atl-eticamente

Potrebbe interessarti anche...

Gli articoli di questo autore

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *