Vertical e Trofeo Nasego: Coppa del mondo di corsa in montagna alla resa dei conti

FONTE: COMUNICATO STAMPA

Un lungo filo conduttore, una matassa che si dipana legando Europa, Stati Uniti ed Africa dopo un avvio di stagione inedito, per molti motivi. In primis per il Mondiale di Innsbruck, posizionato a giugno, con la Coppa del Mondo di corsa in montagna che ne è stata la naturale prosecuzione e che trova oggi e domani nel Vertical e nel Trofeo Nasego 2023 il momento della resa dei conti.

Contenuti tecnici elevatissimi, resi ancor più interessanti dalla presenza di atleti che corrono forte anche al di fuori dei sentieri: quella di Casto Valle Sabbia (Brescia) rischia di diventare la vera finale della Valsir Mountain Running World Cup 2023. 

Una due giorni per palati fini, per appassionati veri, che potranno assistere a scontri diretti e a performance offerte da atleti di rilevanza mondiale.

Chi vuole alzarla, la Valsir World Cup 2023, dovrà venire a dimostrare di meritare i punti decisivi sulle alture del Savallese, tra le Fucine, i Piani di Alone, i Pannelli e il Rifugio Nasego. Nascondersi o procrastinare la sfida non sarà possibile.


Comunque la si giri, il segnale che alla Nasego 2023 si farà veramente sul serio è certificato dal fatto che delle tre principali graduatorie di riferimento, Ranking+classifica degli ultimi mondiali+generale di Valsir World Cup, tutti i protagonisti saranno allo start. 

Alla Nasego ci saranno 6 dei primi 10 uomini e 6 delle prime 10 donne al mondo, con ambedue le teste di serie numero uno e numero due, uomini e donne, rappresentate.

La grande attesa è chiaramente per l’austriaca Andrea Mayr (vincitrice a Casto nel 2019, 2021 e 2022 e unica donna ad aver corso sotto i 40 minuti), leader del Vertical e vincitrice del suo settimo mondiale, e per il keniano Kipngeno, fresco di titolo iridato di sola salita e autore del miglior crono (33’47”) al Trofeo Nasego nel 2022, pronto a rivaleggiare con il connazionale Philemon Kiriago. La pattuglia italiana è ben rappresentata da Henri Aymonod e Andrea Rostan.
In campo femminile, da tenere d’occhio anche la statunitense Grayson Murphy, medaglia di bronzo a Innsbruck, e la keniana Philaries Kisang. Tra le italiane, in gara Valentina Belotti, Camilla Magliano, Dimitra Teocharis ed Elisa Compagnoni.

Il Vertical Nasego è in programma oggi, sabato 2 settembre, con i suoi 4,3 km di percorso e 1.000 metri di dislivello che ne fanno la gara di corsa in montagna con la pendenza più tosta.
Domani toccherà invece ai 21 km del Trofeo Nasego, con i suoi 1330 m di dislivello.

Per informazioni www.trofeonasegocorsainmontagna.com

Foto Gulberti

Potrebbe interessarti anche...

Gli articoli di questo autore

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *